Oltre 500.000 prodotti
Assistenza pre e post ordine
Rendi con un click
Consegna sempre inclusa
30 anni di esperienza

Bicchieri di cristallo: guida alla scelta

Bicchieri di cristallo: eleganti e sofisticati per ogni occasione

 

Il servizio di bicchieri è un elemento in indispensabile in ogni casa, e tra i regali più ricevuti quando ci si sposa o si va a vivere da soli. Scegliere il set di bicchieri che si adatti allo stile della propria casa, alle proprie esigenze e che al contempo risponda alle diverse funzioni che ogni bicchiere deve rispettare non è però semplicissimo.

 

Vediamo quindi come scegliere i bicchieri di cristallo perfetti per ogni occasione, in tre semplici passi:

 

  • La composizione del set di bicchieri
  • Il materiale
  • L’utilizzo e lo stile

 

Come si compone un set di bicchieri

 

Il set di bicchieri in cristallo può essere composto da un numero variabile di elementi: solitamente ci sono 6, 12 o 18 elementi per set. La scelta dipende dal proprio stile di vita e dalla propria casa: se abbiamo in mente di organizzare cene numerose e la nostra casa può ospitare un buon numero di persone, allora sarà preferibile scegliere un servizio composto da almeno 12 elementi.

Il set da 6 è invece ideale per l’uso quotidiano e solitamente è pensato per bicchieri adatti a contenere acqua o bevande gassate.

 

In generale, esistono servizi con bicchieri di cristallo adatti ad ogni tipo di bevanda, che presentano, in numero variabile:

 

  • Calici stretti per vino rosso
  • Calici slanciati a tulipano per vino bianco
  • Ballon, per vini strutturati
  • Flute per spumanti e champagne
  • Calici a base larga per vini aromatici
  • Snifter per brandy e cognac
  • Calici triangolari a stelo alto per i cocktail
  • Tumbler per servire liquori ad alta gradazione con ghiaccio o acqua
  • Boccali per la birra
  • Shot per gli alcolici senza ghiaccio

 

A volte il servizio di bicchieri include anche caraffe di cristallo e vassoi per servire le bevande ai propri ospiti.

 

Le caratteristiche del cristallo

 

Il cristallo è il materiale per eccellenza per la produzione di bicchieri di qualità pregiata e dalle prestazioni elevate. La sua bellezza si contraddistingue per l’elevata trasparenza e la brillantezza, qualità che non sono scalfite dall’utilizzo nel tempo, grazie alla durevolezza di questo materiale.

 

Ma perché il cristallo è così esteticamente affascinante? Per scoprirlo dobbiamo partire dalla sua lavorazione, che consiste in una evoluzione di quella del vetro, finalizzata ad esaltarne la trasparenza ma soprattutto la sonorità, che è una delle caratteristiche che contraddistinguono i bicchieri in cristallo. Al semplice tocco del bordo del bicchiere, sentiremo infatti un suono fine e prolungato.

 

Il cristallo quindi è un vetro che contiene componenti che ne facilitano la cristallizzazione: in particolare, ossido di bario, ossido di zinco e ossido di potassio sono quelli più usati per realizzare cristallo di elevata qualità. Questi componenti da un lato permettono una buona lavorazione del materiale e dell’altro contribuiscono ad ottenere la spiccata trasparenza e la straordinaria brillantezza caratteristica dei bicchieri da vino in cristallo e dei calici in cristallo.

 

Come distinguere il vetro dal cristallo

 

Proprio perché il materiale di partenza è lo stesso, non sempre è facile distinguere il vetro dal cristallo.

 

Il cristallo, per essere certificato come tale, deve contenere una percentuale di almeno il 24% di ossido di piombo: controllare la presenza della certificazione, prevista dalla legge, è fondamentale prima dell’acquisto, perché distinguere il cristallo a prima vista non è semplice. Anzi, ad occhio nudo è quasi impossibile riconoscere il cristallo dal vetro: ecco perché è importante verificare la presenza di un bollino rotondo color oro con scritto “cristallo con 24% di piombo”. Se la percentuale di piombo è inferiore, per sottolineare la qualità del prodotto si può parlare di “cristalleria”, “cristallino” o di vetro pregiato o sonoro, ma non di cristallo.

 

In generale le differenze tra vetro e metallo sono:

 

  • Il vetro è un materiale poco costoso e riciclabile, ma non suona come il cristallo e nel tempo tende a perdere in brillantezza, pur essendo più resistente agli urti;
  • Il cristallo è chiaro e lucente, quasi come un diamante, ed ha una lavorazione sottile e resistente; il suono che produce è unico, molto diverso dal vetro: un tintinnio che è praticamente musica. Tuttavia, non è un materiale riciclabile e non va assolutamente smaltito con il vetro, a causa della presenza del piombo e di altri metalli.

 

 

Utilizzo e stile

 

Lo stile da scegliere per un set di bicchieri cambia molto soprattutto in base all’utilizzo che ne vogliamo fare:

 

  • per un utilizzo quotidiano il set è solitamente composto da pochi elementi essenziali, magari di un materiale che tende ad usurarsi poco ed è facilmente lavabile anche in lavastoviglie. Il design dei bicchieri è molto soggettivo: da quelli trasparenti a quelli colorati, dalle forme più semplici a quelle più insolite
  • per un uso più sporadico, e in particolare per le occasioni speciali, il set di bicchieri è composto da più elementi per imbandire la tavola per cene tra amici, compleanni o festività. In questo caso la scelta del design è più limitata, perché spesso questi set di bicchieri mantengono uno stile più classico, così da adattarsi a tutte le tavole e a tutte le mode. Solitamente in questi casi si scegliere un set da 12 persone composto da tumbler, calice da vino bianco, calice da vino rosso e flute.

 

Come pulire i bicchieri di cristallo e farli durare di più

La brillantezza e la luce dei bicchieri in cristallo possono affievolirsi nel tempo, specie se lasciati per mesi nelle vetrine, dove soffrono l’aggressione di polvere e impurità. Per evitare di fare brutte figure con gli ospiti si possono però mettere in pratica dei trucchi casalinghi per pulire i bicchieri in cristallo e farli durare più a lungo:

  • aceto di vino e limone sono ingredienti ideali per mantenere in perfetto stato i bicchieri; basta preparare una soluzione che contenga in parti uguali aceto e succo di limone e passare il preparato sui bicchieri, per poi asciugarli con un panno in cotone
  • è sempre consigliabile lavare i bicchieri di cristallo a mano, utilizzando una spugnetta non abrasiva e un detersivo neutro; dopo il lavaggio si passa al risciacquo in una soluzione di acqua e aceto, per poi asciugare immediatamente i bicchieri con un panno di cotone. Questo passaggio è fondamentale, perché lasciare i bicchieri bagnati potrebbe causare la formazione di macchie calcaree.