Oltre 500.000 prodotti
Assistenza pre e post ordine
Rendi con un click
Consegna sempre inclusa
30 anni di esperienza

Come scegliere I sanitari bagno

Come scegliere i sanitari per il tuo bagno per arredarlo con stile ed eleganza

 

La scelta dei sanitari è un momento davvero importante nella ristrutturazione o nella realizzazione del bagno, perché scegliere i giusti elementi di arredo vuol dire determinare lo stile e il carattere di questo ambiente.

 

Lo sviluppo di nuove tecnologie permette di trovare modelli di tutte le forme e con sistemi di risciacquo innovativi che consentono una pulizia più agevole e meno spreco d’acqua. Ma come scegliere nel concreto i sanitari per il bagno?

 

Partiamo subito dicendo che il sanitario perfetto per tutti non esiste: tutto dipende dal proprio gusto, dallo spazio a disposizione e dai lavori che si è disposti a fare per l’installazione.

 

Tipologie di sanitari

 

Esistono tre tipi di sanitari:

  • Sospesi
  • A terra
  • Filomuro

 

Ogni tipologia richiede specifici interventi per l’installazione: ad esempio i sanitari tradizionali possono essere facilmente sostituiti con quelli filomuro, mentre per quelli sospesi sono necessari maggiori interventi.

 

Sanitari sospesi

 

I modelli sospesi sono senza dubbio la scelta più contemporanea, grazie al loro design moderno e alle linee essenziali. Essendo fissati alla parete, senza alcun appoggio a terra, contribuiscono ad alleggerire e rendere più spaziosi anche i bagni più piccoli. Inoltre, i sanitari sospesi agevolano notevolmente le operazioni di pulizia.

Per poter istallare questo tipo di sanitari è necessario che lo scarico sia a parete e che la parete stessa abbia uno spessore superiore ai 10 cm.

Il fissaggio, ad un’altezza di 38-40 cm da terra, avviene mediante staffe che permettono di scaricare il peso del sanitario, e di chi lo utilizza, sulla parete: per questo motivo è fondamentale che la parete abbia uno spessore sufficiente a sostenere questo peso; in caso contrario, sarà necessario rinforzare la parete attraverso supporti metallici oppure costruendo una parete di supporto, con una larghezza tale da poter essere utilizzata anche come superficie d’appoggio.

Se temete che i sanitari sospesi non siano abbastanza resistenti, non preoccupatevi: sono testati per sostenere un peso di 400 kg,

 

Modelli a terra e filomuro

 

I sanitari a terra si distinguono tra i classici modelli a terra e quelli installati a filomuro. Questi ultimi sono installati contro la parete, in modo che non si crei quel fastidioso spazio tra sanitari e parete difficile da pulire e da nascondere gli scarichi alla vista.

 

I modelli a filomuro sono la scelta ideale per chi ama la solidità dei sanitari tradizionali, che solitamente hanno lo scarico a terra e possono essere sostituiti con facilità da quelli a filomuro realizzato con lo scarico traslato. I sanitari filomuro permettono di risparmiare spazio rispetto a quelli tradizionali: pur avendo le stesse dimensioni, infatti, il minor ingombro è dato dal fatto che non si creano spazio vuoto tra il muro e il sanitario stesso; inoltre possono essere installati a ridosso di qualsiasi parete, anche non portante.

 

Cosa valutare prima dell’acquisto

 

Tra i fattori da valutare per orientarsi nell’acquisto ci sono sicuramente questioni tecniche, come le dimensioni e la posizione dello scarico, e altre come il rapporto qualità/prezzo e lo stile.

 

Misure e dimensioni

 

Prima di fare qualsiasi scelta, è necessario considerare le dimensioni del bagno e gli spazi di movimento da garantire. Ecco alcune regole di base:

 

• lo spazio minimo tra bidet e wc deve essere di 20 cm;

• frontalmente ai sanitari bisogna garantire almeno 60 cm di spazio;

• lo spazio minimo tra bidet e un altro ingombro deve essere di 20 cm;

• lo spazio minimo tra wc e un altro ingombro deve essere di 15 cm;

• le dimensioni standard dei sanitari sono 40 cm di larghezza e 55 cm di profondità, anche se ora sul mercato le possibilità sono molteplici.

 

Le finiture

 

Fino a qualche anno fa sul mercato si trovavano solo sanitari bianchi, mentre oggi è possibile trovare modelli di tutti i colori e forme. Per quanto riguarda i colori, sono tornate di moda le tonalità pastello, le tinte tenue e i colori della terra. Anche la forma del wc o del bidet può avere linee curve, essere più tondeggiante o più squadrata: la scelta in questo caso dipende solo dai propri gusti estetici e dello stile che si vuole dare al bagno.

 

Le ultime tecnologie in fatto di sanitari

 

Gli ultimi modelli di sanitari sono spesso rivestiti di uno smalto antibatterico che assicura un’igiene più profonda. Inoltre, wc di ultima generazione sono dotati del sistema di risciacquo rimless, ossia senza brida, che consente una pulizia più efficace con un minor utilizzo di acqua.

Questi modelli sono caratterizzati dall’assenza del bordo ripiegato dal quale normalmente esce l’acqua per il risciacquo. Questo bordo è spesso ricettacolo di germi, sporcizia e batteri, perché risulta molto difficile da pulire. Nei sanitari senza la brida, invece, l’acqua da uno o due punti e, creando un vortice, raggiunge tutti i punti del water con la giusta pressione, consentendo un efficacie risciacquo del vaso.

Grazie a questo sistema si assicura un deflusso completo dell’acqua, che non ristagna nella brida e consente un’igiene più accurata. Il sistema senza brida è diffuso nei sanitari sospesi e a filomuro.

Infine, molti sanitari di ultima generazione sono dotati di copri wc con tecnologia soft close, che permette di evitare gli urti in fase di chiusura.

 

Sanitari autopulenti: l’ultima frontiera dei wc

 

Una delle innovazioni più recenti e rivoluzionarie in fatto di wc sono i sistemi autopulenti: grazie ad un particolare trattamento della ceramica, questi prodotti hanno un’elevata capacità antibatterica e consentono al contempo di eliminare i cattivi odori.

Un esempio sono i sanitari con trattamento BioKare sviluppati da Scarabeo, le cui superfici sono al 99,9% antibatteriche. Grazie a questa tecnologia, inoltre, le superfici sono maggiormente idrorepellenti e ciò rende più difficole il deposito di sporco e calcare, rendendo la pulizia più semplice e permettendo di risparmiare acqua e prodotti igienici.

 

Come scegliere il lavandino

 

Finora ci siamo concentrati su wc e bidet, ma anche il lavabo è un elemento essenziale per l’arredamento del bagno: sul mercato sono disponibili diversi modelli, dai più moderni a quelli con uno stile più retrò.

 

I modelli più diffusi sono:

 

  • Il lavabo a colonna, ossia il modello più classico con colonna di appoggio a terra
  • Il lavabo sospeso: sono modelli dallo stile contemporaneo; molto facili da pulire, hanno spesso il difetto di offrire poco spazio per poggiare gli oggetti. Alcuni sono dotati di una semicolonna che nascondono i tubi alla vista
  • Il lavabo da appoggio, che viene posto su un apposito spazio preforato, è ideale per i bagni di design o dallo stile retò chic
  • Il lavabo free standing, una soluzione molto diffusa e alla moda, in cui la colonna del lavabo funge anche da elemento di design
  • Il lavabo ad incasso, che viene inserito direttamente nella parte superiore di un mobile; si adatta a qualunque stile di design e offre un piano di appoggio grazie allo spazioso top.