Oltre 500.000 prodotti
Assistenza pre e post ordine
Rendi con un click
Consegna sempre inclusa
30 anni di esperienza

Guida all’arredo bagno

I mobili e gli accessori per il bagno vanno selezionati in base a fattori come le dimensioni della stanza, lo stile di arredo e i materiali. Si tratta, infatti, di un ambiente dove si concentra un certo livello di umidità e tutti gli elementi dell’arredamento devono essere realizzati in materiali molto resistenti. Bisogna anche prendere in considerazione la funzionalità e la facilità di pulizia e manutenzione. Mobili e accessori devono essere facili da pulire, duraturi, resistenti all’aggressione dei detergenti e ben rifiniti in modo da non rovinarsi in poco tempo. Scopriamo insieme come scegliere portaoggetti, set per lavandini e specchi per arredare il bagno.

 

Arredo bagno contemporaneo: mobili sospesi

Oggi i mobili più diffusi per il bagno sono quelli sospesi, perché occupano meno spazio e facilitano la pulizia dei pavimenti. Sono perfetti, tra l’altro, per recuperare centimetri preziosi, soprattutto nei bagni di piccole dimensioni. L’arredo bagno contemporaneo con i mobili sospesi crea ambienti confortevoli e minimalisti, in cui si ha una maggiore sensazione di ordine e pulizia. Sul mercato sono disponibili in diverse versioni:

 

  • mobili da bagno a giorno - si tratta di arredi privi di sportelli o cassetti. Sono costituiti cioè da ripiani utili per riporre gli oggetti di uso quotidiano, come spazzole, pettini, spazzolini e così via. Vanno installati a parete a un’altezza adatta a chi li utilizza e sono degli ottimi salvaspazio. Per sfruttare ancora di più i ripiani si possono utilizzare accessori per il bagno come i classici contenitori a scomparti per i trucchi

 

  • mobili da bagno con cassetti o ante - ideali sotto il lavabo per riporre oggetti più grandi come gli asciugacapelli o le scorte di carta igienica e detergenti. L’unica accortezza è prevedere lo spazio di apertura dei cassetti/ante

 

  • mobili a colonna con sportello - permettono di comporre l’arredo sfruttando tutto lo spazio a parete libero e sono utili per riporre tanti piccoli oggetti con maggiore privacy. Uno degli svantaggi dei mobili sospesi è la riduzione della profondità rispetto a quelli con appoggio a terra. I mobili a colonna, per esempio, permettono di ovviare al problema, perché si possono comporre a piacimento, conferendo anche una maggiore personalizzazione al bagno. Sono disponibili con le ante lisce per bagni più moderni e con le ante a telaio con cornice per bagni più classici.

 

Arredo a terra con piedini alti

Oggi, si trovano in vendita i mobili a terra con piedini molto alti. Sono una sorta di versione ibrida degli arredi sospesi, di cui conservano il vantaggio della facilità di pulizia dei pavimenti. Sono perfetti in bagni molto piccoli e permettono di arredare con uno stile moderno e minimalista. Di solito, sono caratterizzati da una combinazione di materiali, vale a dire struttura in metallo e sportelli, cassetti e mensole in legno.

 

Arredo bagno: i materiali

Il materiale più utilizzato nei bagni è il legno. È possibile acquistare mobili in essenze come teak, eucalipto, mogano o bambù. Si tratta, però, di arredi che vanno puliti e trattati con attenzione. I materiali che consentono la giusta combinazione tra resa estetica, durata nel tempo, costi contenuti e facilità di pulizia sono:

 

  • legno nobilitato laminato - si tratta di pannelli realizzati con truciolare o legno riciclato, rivestiti con fogli laminati. Questa lavorazione consente al nobilitato di essere molto resistente ai graffi, all’acqua e all’umidità e particolarmente duraturo nel tempo. Dal punto di vista estetico riproduce bene l’effetto legno ed è disponibile in tante versioni, tra cui faggio, noce, wengé, pino ecc.

 

  • MDF (Medium Density Fiberboard) - pannello di fibra a media densità costituito da fibre di legno e da un legante e sottoposto a lavorazione ad alte temperature. Di solito si utilizza per i mobili laccati ed è più costoso del legno nobilitato laminato

 

Complementi darredo bagno: gli specchi

Gli specchi sono degli accessori per il bagno davvero indispensabili, perché aumentano le dimensioni della stanza e consentono di aggiungere punti luce. Per scegliere quelli più adatti vanno presi in considerazione gli elementi qui sotto:

 

  • dimensioni - gli specchi permettono di creare quell’illusione prospettica che rende i bagni più grandi. Se la stanza è piccola, lo specchio grande aiuta a renderla più ariosa. Quando lo spazio e i mobili lo consentono, quindi, meglio scegliere specchi grandi anche in bagni piccoli

 

  • posizionamento - lo specchio non deve essere più grande del mobile lavabo e va posizionato a un’altezza giusta per tutti gli utilizzatori. Di solito, si fissa ad altezza occhi considerando un utilizzatore di altezza media pari a 165 cm. Vanno lasciati poi almeno 30 cm sopra la linea degli occhi

 

  • illuminazione - in commercio sono disponibili diversi modelli: specchi retroilluminati con luce LED integrata, specchi con applique e faretti esterni e specchi contenitori classici con  faretti incassati. La scelta dipende dallo stile del bagno. In realtà, l’aspetto importante da valutare è il tipo di luce. Per i bagni, per esempio, è consigliata quella naturale. È sconsigliata, invece, quella calda perché altera i colori e non facilita operazioni come il trucco mattutino del viso. È bene anche controllare l’indice di protezione e la classe di isolamento delle luci, perché nei bagni c’è sempre il rischio umidità/schizzi d’acqua. L’illuminazione della zona lavabo, per esempio, richiede luci con indice di protezione IP44, sigla che indica lampade protette contro gli spruzzi d’acqua provenienti da tutte le direzioni

 

  • antiappannamento - gli specchi come tutti gli accessori per il bagno diventano sempre più funzionali. Oggi, infatti, è possibile acquistarli con resistenza antiappannamento. Non bisogna, quindi, pulire lo specchio dopo aver fatto la doccia o il bagno caldo. Marchi per l’arredo bagno come Scarabeo forniscono questo tipo di tecnologia.

 

Accessori per il bagno: gli indispensabili da comprare

Per rendere il bagno comodo sono necessari diversi accessori. Vediamo insieme quali sono quelli da mettere in lista e da comprare assolutamente:

 

  • dispenser per il sapone liquido
  • portaspazzolino
  • portasapone
  • bicchiere e/o porta bicchiere
  • kit accessori lavabo da appoggio o con montaggio a parete
  • tappetini da bagno per l’uscita dalla vasca o dalla doccia
  • dispenser per bagnoschiuma e shampoo
  • contenitori vari per prodotti da bagno
  • portasciugamani
  • scopino con relativo contenitore
  • piantane con scopino e portarotolo
  • portarotolo per la carta igienica
  • pattumiere da bagno
  • ceste per il bucato

 

I materiali migliori degli accessori per il bagno

Gli accessori per il bagno sono realizzati in materiali diversi, dalla ceramica alle resine termoplastiche fino ai metalli e al cemento. A seconda del materiale utilizzato, variano parametri come la durata, lo stile e la modalità di pulizia:

 

  • resine termoplastiche - resistenti, antigraffio e facili da pulire. La resa estetica è molto bella perché sono disponibili in diverse colorazioni e si adattano a bagni di ogni tipo
  • acciaio inox - questo metallo garantisce una lunga resistenza nel tempo e il massimo livello di igiene possibile. L’acciaio inox, infatti, è un materiale antibatterico per eccellenza e, non a caso, viene utilizzato anche nelle sale operatorie. Bisogna solo avere qualche accortezza in più in fase di pulizia e usare un panno inumidito e detergenti neutri, evitando le pagliette abrasive. Ovviamente, gli accessori per il bagno in acciaio inox hanno costi mediamente più alti rispetto a quelli in ceramica o plastica
  • ottone cromato - materiale ottimo dal punto di vista della resistenza. Da pulire solo con un panno morbido umido evitando sostanze acide o alcaline, come candeggine e acido cloridrico, che tendono a corrodere il film protettivo. Per chi preferisce accessori metallici colorati (bianchi o neri), l’ottone cromato è la scelta giusta